I Prezzi Della RC Auto In Italia e In Europa

Recentemente l’Ivass ha reso noto uno studio il cui oggetto era il confronto dei prezzi medi che sono stati pagati per l’Rc auto dagli assicurati di alcuni paesi europei. Fra quelli analizzati vi sono Italia, Germania, Spagna, Francia e Gran Bretagna. Il risultato dell’indagine evidenzia un dato che ormai non meraviglia e cioè che gli assicurati italiani sono quelli più tartassati! Nello specifico, secondo la ricerca, il premio Rc auto (cioè l’importo versato alle compagnie solo per la garanzia della responsabilità civile auto) pagato dagli assicurati italiani, in media, nel quinquennio 2008-2012 (il 2012 è l’ultimo anno nel quale sono stati forniti dati certi e completi, per il 2013 bisogna attendere l’anno prossimo) è di gran lunga superiore alla media degli altri paesi presi in considerazione. Infatti, in Italia, si pagano mediamente ben 144 Euro in più ovvero un +56% rispetto agli importi pagati negli altri paesi dell’Unione Europea.

compara meglioLo studio ha rivelato che mediamente l’automobilista italiano versa 108 Euro in più (cioè il 49% in più) per quanto riguarda il maggior costo dei sinistri e 21 euro in più (cioè il 28% in più) sulle commissioni e sulle spese di gestione. Sempre nei cinque anni considerati, le compagnie assicurative italiane hanno conseguito, in media, i risultati tecnici migliori contenendo le perdite in soli 2 Euro per polizza, contro una perdita media che, nell’UE, si è attestata intorno ai 17 Euro a polizza. Ma se guardiamo all’ultimo anno preso in considerazione dalla ricerca (2012), noteremo che la differenza del premio medio di tariffa tra l’Italia e la media Ue, è ancora più alto rispetto alla media dei 5 anni: 154 euro, cioè il 58% in più rispetto agli altri paesi Ue, a fronte di un calo di 38 euro nel costo dei sinistri e di un aumento di 3 euro nel costo delle commissioni e delle spese di gestione. Inoltre, lo studio ha evidenziato come sia composta effettivamente la struttura del costo del premio medio dell’Rca nel nostro paese: 69,8% è il costo per i sinistri, il 18,4% sono le commissioni e le spese di gestione, l’11,8% è margine tecnico, cioè al differenza netta tra il premio di tariffa e i costi per sinistri più le spese di gestione. Negli altri paesi Ue, invece, sono state riscontrate incidenze superiori per quanto riguarda il costo dei sinistri e per le spese di gestione e incidenza inferiori per quanto riguarda il margine tecnico. Tutto questo per un motivo ben preciso: il maggiore sviluppo all’estero degli altri rami danni rispetto all’Rca, cosa che consente alle assicurazioni straniere di distribuire in maniera più efficiente il carico sia delle spese che quello dei margini tecnici.

Infortuni al Conducente

Per quanto riguarda gli infortuni al conducente, la ricerca condotta dall’Ivass ha evidenziato come, in caso di morte dell’assicurato, in Italia si riceverà il risarcimento non patrimoniale, ovvero il cosiddetto “danno biologico“, in misura più elevata rispetto agli altri paesi dell’Unione. Invece, per quanto riguarda le lesioni molto gravi, gli italiani otterranno un risarcimento complessivo (tra danni patrimoniali e non) inferiore agli altri paesi, fatta eccezione per la Spagna: questo è dovuto alla presenza di una liquidazione, spesso forfettaria, del danno patrimoniale attuata in presenza di prestazioni che vanno a carico del servizio sanitario nazionale. In caso di macrolesioni, l’assicurato italiano otterrà un risarcimento non patrimoniale superiore rispetto a quelli tabellari di Spagna e Francia. Per le microlesioni, invece, la tabella in vigore in Italia ha abbassato il valore del risarcimento che ora risulta inferiore a quello francese (ma migliore rispetto allo spagnolo).

Riassumendo, l’indagine condotta dall’Ivass ha evidenziato come gli assicurati italiani pagano premi Rc auto superiori rispetto agli altri paesi Ue ma, in cambio, ricevono una migliore controprestazione assicurativa, soprattutto in caso di morte o per macrolesioni non gravi.

300x50

Be the first to comment on "I Prezzi Della RC Auto In Italia e In Europa"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.