Attenzione Alle Polizze Occulte!

Anche se può sembrare paradossale, molti automobilisti sono assicurati con una compagnia….senza esserne a conoscenza! In Italia sono ben 15 milioni! Sto parlando delle cosiddette “polizze occulte” legate a servizi offerti da agenzie di viaggio, concessionari auto, istituti bancari, aziende per la fornitura di energia elettrica, gas e acqua, aziende di trasporto marittimo o aereo, aziende produttrici o distributrici di beni di largo consumo e associazioni sportive. L’Ivass ha recentemente deciso di dichiarare guerra a queste polizze illegittime richiedendo l’intervento dell’Antitrust, dell’Autorità per l’energia e al Garante della Privacy per valutare l’opportunità di attivare azioni congiunte a tutela dei consumatori.

assicurazioniSpesso a queste “trappole” è difficile sfuggire! Su questo, l’Istituto ha avviato una campagna di denuncia dal nome evocativo “Sei assicurato e forse non lo sai“. I numeri scendono nel dettaglio. Lo studio spiega che la maggior parte delle polizze occulte ha un premio inferiore ai 30 euro, circa il 61% dei pacchetti presenta coperture assicurative il cui premio è inferiore a questa cifra mentre si attesta al 23% l’incidenza relativa a quelli con premi superiori ai 100 euro. Nel 46% dei casi, poi, il premio è indicato esplicitamente e distinto dal costo del bene o servizio principale. Nei restanti casi le imprese dichiarano che la prestazione assicurativa è a titolo gratuito per l’assicurato (una sorta di benefit) o che è inclusa nel prezzo generale del pacchetto. Purtroppo, non è neanche facilmente verificabile se ci siano oneri aggiuntivi per il consumatore caricati nel costo! E su questo l’Istituto vuole approfondire l’analisi per capire se davvero i costi non siano poi girati sui consumatori. Questa vera e propria truffa è costituita da ben 1.600 tipologie di pacchetti differenti offerti a seguito di accordi commerciali tra imprese di assicurazione e altri operatori economici. In primis gli istituti bancari, con oltre 9 milioni di assicurati, seguiti da tour operator e agenzie di viaggio (2,3 milioni), associazioni sportive (1,8 milioni) e fornitori di energia, gas, acqua (le “public utilities” insieme contano quasi 1,3 milioni di assicurati). Secondo l’Ivass, spesso queste polizze occulte sono integrate in offerte commerciali che comprendono beni o servizi di natura non assicurativa (“all inclusive”) oppure sono distinte ed abbinabili al bene o servizio principale. La denuncia dell’Ivass ha lo scopo di garantire che “il consumatore sia consapevole di aderire a coperture assicurative nel momento in cui acquista beni o servizi di altra natura e dei relativi costi, al fine di beneficiarne in caso di bisogno”. Dall’indagine sono emerse criticità che attengono alla conoscibilità delle garanzie, alle modalità di adesione e di scioglimento del contratto ed alla chiara esplicitazione dei costi, sui quali l’istituto di vigilanza sulle assicurazioni sta predisponendo alcune linee di intervento. I risultati dell’indagine commissionata dall’Ivass sono stati già trasmessi all’Antitrust, al Garante della privacy e all’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico e all’associazione dei consumatori (secondo le rispettiva competenze) così da valutare l’opportunità di attivare azioni congiunte a tutela dei consumatori. Quindi, fate attenzione quando sottoscrivete tali tipi di contratti e leggete bene clausole e postille varie. La fregatura è sempre dietro l’angolo.

Be the first to comment on "Attenzione Alle Polizze Occulte!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*